23/10/19

Dialogo fra geni

‘Dialogo fra geni’: franchi umberto marmi con Giuseppe Venuta celebrano i 500 anni della morte di Leonardo da Vinci.

CLICCA SULLA FOTO PER APPROFONDIRE

Milano


I due grandi geni del Rinascimento, Leonardo e Michelangelo, sappiamo che non andarono mai particolarmente d’accordo. Diversi nel carattere e negli ideali artistici vissero negli stessi anni e si trovarono a girare per le stesse strade della Firenze capitale del Rinascimento, tuttavia fra loro vi furono più distanze che vicinanze, anche per il divario generazionale che correva.

Il riflessivo e pacato Leonardo non amava l’indole turbolenta ed impulsiva del giovane Michelangelo e anche se non vi sono notizie storiche di contrasti ed inimicizie fra i due è certo che i rapporti non furono mai idilliaci, tuttavia sia Leonardo che Michelangelo riconobbero sempre l’uno la grandezza dell’altro. In questo anno di celebrazioni leonardiane il designer Giuseppe Venuta ha riprodotto con il più pregiato marmo bianco di Carrara, lo Statuario, l’Uomo Vitruviano appoggiato ad un totem di corten, ricostruendo con la mediazione del pregiato materiale fornito da franchiumbertomarmi un ideale dialogo fra i due artisti. Un tentativo, ovviamente postumo, di ricreare un dialogo fra Leonardo e Michelangelo che comunque reciprocamente riconoscevano il valore delle opere del rivale. Nell’opera di Venuta la parte in marmo che simboleggia una scultura non è ultimata e l’incisione (dipinta al suo interno) rappresenta appunto l’Uomo Vitruviano, la celeberrima rappresentazione che Leonardo fece delle proporzioni ideali del corpo umano.

DSC04123

Un altro piccolo segno lo riporta la scritta ‘LEONARDO’ in marmo che attraversa la lamina in corten ed è speculare, ovvero  sul retro si legge al contrario proprio come usava scrivere Leonardo. I materiali impiegati per questa opera sono il pregiato marmo Statuario ed il corten.

^